Terremoto Marche-Umbria 1997

 

A.R.I. Sezione di Perugia (pagina web originale del resoconto 1997 )
 

L'ARI e la Protezione Civile: il Sisma Umbria/Marche 1997 ARI and the Umbria/Marche's Earthquake in 1997

Riportiamo qui di seguito un rapporto sulle attività svolte dai radioamatori dell'ARI nell'ambito della Protezione Civile durante il sisma che ha colpito Umbria e Marche a partire dal 26.09.1997.

Non riportiamo in questo rapporto le decine e decine di nominativi dei radioamatori che hanno dato il loro prezioso contributo, ma a loro va il più sentito apprezzamento e ringraziamento per la disponibilità e la disciplina dimostrata in quei momenti così difficili per tutti. Il nostro apprezzamento va naturalmente non solo agli operatori della Sezione di Perugia, ma a tutte le Sezioni Umbre che hanno partecipato alle operazioni unendo i propri sforzi per coprire tutto il territorio.

NOTTI DI TERRORE E LA TERRA TREMA ANCORA

Migliaia di crolli, le vie trasformate in trappole mortali, le città medioevali piene di fascino e spesso con monumenti di rara bellezza via via si sono sbriciolate, migliaia di persone in fuga verso uno spazio per la salvezza. Si forma il caos più totale e il panico prende chiunque. E' un disastro. Dopo lo smarrimento e con il terrore in cuore, chi può attiva il cellulare ma nessuna via telefonica è praticabile. Dalle città maggiori, Perugia, Foligno, Spoleto le Autorità si attivano e cercano con ogni mezzo possibili notizie oltre che per le città stesse anche per le località, le frazioni dislocate in una vastissima area. Area che poi verrà definita per oltre 50 Comuni per la parte Umbra e oltre 30 per le Marche. Pensate che la Protezione Civile l'otto ottobre aveva allestito oltre 50mila posti letto in tende, roulottes e locali pubblici agibili per riparare la popolazione colpita.

In piena notte, mentre si attua il piano operativo per l'attivazione della Sala radio ARI della Prefettura di Perugia e del centro principale di Foligno, si intuisce che l'emergenza è molto grave. Le comunicazioni dei radioamatori raccolte attraverso i ripetitori R0 di Foligno, R6 di Perugia, R4 di Terni con decine e decine di segnalazioni dall'Umbria, dalle Marche, dal Lazio e dalla Toscana portano in non più di 15 minuti a delineare in modo concreto il probabile epicentro e le zone più colpite. Da apprezzare, in quei momenti, la disciplina adottata da tutti. Le comunicazioni, pur concitate hanno avuto brevità e concretezza essenziale e confermo che in pochi minuti sono state annotate oltre 100 segnalazioni.

La Prefettura di Perugia si è attivata con rapidità, così anche la Regione Umbria con i propri Centri Operativi e così alcuni Comuni dotati di più specifica preparazione all'emergenza, come il Comune di Foligno, altri Comuni hanno faticato di più a trovare le vie di raccordo essenziali per la tempestività degli interventi con particolare riguardo alla necessità di disporre di mezzi immediati idonei per le comunicazioni.

Questa necessità di disporre di mezzi di comunicazione alternativi alle reti telefoniche per ore inutilizzabili sia per i guasti sia per il sovraccarico si è fatta sempre più impellente per tutte le Autorità preposte ai soccorsi. Come la necessità di avere piani di intervento preordinati per l'organizzazione dei soccorsi si è posta altrettanto in evidenza con cruda realtà.

In questi frangenti terribili, il ripetersi di scosse notevoli ha messo a dura prova chi ha dovuto approntare i soccorsi in situazioni ambientali pericolose e traumatizzanti. Questo vale anche per tutti quei radioamatori del territorio colpito che, hanno lasciato con apprensione le proprie famiglie, per avviarsi nei punti di volta in volta indicati dai coordinatori per operare nelle reti radio di emergenza. Qualcuno , guardando agli eventi da lontano, tenta di esprimere valutazioni negative sulle procedure e operazioni svolte in quel lungo periodo, per tante notti a tanti giorni: non si può non tenere conto di tutto il contesto sopra espresso e degli alti risultati comunque ottenuti in quelle condizioni. Chi è stato "sul campo" sa che le lagnanze che ci sono state rivolte sono ingiuste e smentite dai fatti.

SCOSSE A RIPETIZIONE E DI NOTEVOLI INTENSITA'

26/09/97  ore 02,33  8° grado 26/09/97  ore 11,40  27/09/97  ore 19,20  03/10/97  ore 10,55  04/10/97  ore 17,07  04/10/97  ore 18,13  6/7° 08/10/97  ore 01,23  14/10/97 ore 17,25  7/8°

INTERVENTI RADIOAMATORI ARI

Dopo la forte scossa delle 02,33, in piena notte, del 26/9/97 si è provveduto a raggiungere la Prefettura di Perugia ed è stata attivata la sala radio con operazioni su tutte le frequenze sin dalla ore 03,20 della stessa notte. ( presenti due operatori Ari Perugia).

Nel contempo risulta attivata la postazione radio presso il centro operativo aperto dal Comune di Foligno nei locali del Comando Vigili Urbani (presente ARI Foligno). La stessa Sezione ha provveduto ad inviare nella notte vari radioamatori in alcune località in cui si supponevano danni notevoli poiché poste nelle zone dell'epicentro di Colfiorito individuato dall'Osservatorio Sismologico "Bina" di Perugia.

 

Prima dell'alba molte notizie sono state raccolte e fornite subito alle competenti Autorità attivatesi per le procedure di intervento, con preparativi di mezzi e uomini necessari. Le nostre notizie sono state integrate con quelle fornite dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri. I telefoni per diverse ore sono stati inservibili per i danni e il sovraccarico di traffico rendendo impossibile qualsiasi chiamata verso le zone colpite.

Alle ore 08 dello stesso 26 il Prefetto di Perugia ha emesso la prima ordinanza con cui si costituiva il primo COM in Foligno al fine di favorire l'attività di soccorso a seguito delle segnalazioni di feriti e gravi danni a numerose abitazioni situate nelle frazioni dislocate nelle zone di montagna. Le Sezioni di Perugia, di Foligno, di Trevi e Spoleto dalla stessa mattinata hanno dato disponibilità con propri associati per allargare la copertura delle reti radio per le comunicazioni di emergenza e creare turni per il cambio degli operatori.

Purtroppo durante questi frenetici momenti di attività assieme all'organizzazione di protezione Civile che si stava attivando, una nuova grave scossa alle ore 11,40 dello stesso 26/09/97 ha creato scompiglio e terrore provocando ulteriori gravissimi danni, ampliando così il territorio interessato ai soccorsi urgenti. I messaggi radio dei radioamatori seguiti a quei tragici momenti sono consistenti. Le frequenze utilizzate in contemporanea sono cinque - R0 - RU0 - R6 - R3A e R4 per Roma, fanno fatica a smaltire i messaggi urgenti dalle zone colpite ai COM e da questi al CCS Prefettura.

Sono minuti interminabili, i telefoni non funzionano, nemmeno le linee preferenziali sono praticabili. Vengono trasmesse richieste di soccorsi per il crollo della Basilica superiore di Assisi, tre morti e vari feriti - Evacuazione dell'Ospedale di Foligno - Evacuazione dell'Ospedale di Nocera Umbra e parte di quello di Assisi - Ulteriori crolli di edifici, case, stalle con animali travolti, Torri e Palazzi lacerati strade e ferrovie bloccate, disperazione tra la gente.

Da evidenziare che i radioamatori hanno proseguito l'opera iniziata, malgrado gli stessi fossero interessati direttamente dagli eventi e lasciando le proprie famiglie hanno garantito l'efficacia delle comunicazioni con ogni condizione. Da evidenziare l'opera primaria prestata da tanti radioamatori ARI sin dal primo momento e a seguire nel territorio del COM di Foligno il più grande per territorio colpito. Tantissimi radioamatori delle Sezioni di Foligno di Perugia, di Trevi e di Spoleto hanno partecipato, per giorni, a sostenere i turni nelle varie postazioni attivate.

Nei giorni successivi le attività radio sono state utilizzate per lo smistamento logistico, per l'individuazione dei posti di ricovero, per il supporto all'organizzazione delle squadre di oltre 3.000 volontari giunti da ogni parte d'Italia. Altrettanta utilità hanno avuto le comunicazioni per lo smistamento di Roulottes e viveri e dei mezzi di trasporto tende e attrezzature e per messaggi tra Funzionari dei vari campi e i COM. All'8 ottobre erano attivi con la P. Civile n° 10.222 soccorritori: 3.000 Volontari (tra cui più di 80 radioamatori) - 1.599 Vigili del Fuoco - 1.920 Carabinieri - 1.397 militari dell'Esercito - 859 agenti di polizia - 259 finanzieri - 297 del Corpo Forestale - 454 della Croce Rossa - 274 Tecnici rilevatori e 170 addetti ai Centri Operativi.

POSTAZIONI ATTIVATE DAL 26/09/97

CCS Prefettura Perugia H24, ogni giorno 3 operatori con turni di 07 -14 / 14 -21 / 21 - 07. Ogni settimana turni garantiti 21, più il coordinamento;

COM Foligno collegato con le seguenti località colpite: Belfiore, Rasiglia, Annifo, Colfiorito1, Colfiorito 2, Casenove, Verchiano, Capodacqua, Sellano, (per i primi 3 giorni anche l'Aeroporto di Foligno). H24, ogni giorno operatori necessari a 12 ore per campo 9 x 2 = 18 più 2 0 3 al COM - Ogni settimana turni garantiti 20, più il coordinamento;

Con ulteriori Decreti Prefettizi del 28 e del 30/9/97 sono stati costituito altri COM. L'attività radio è stata quindi estesa al COM di Assisi con altri operatori della sezione di Perugia e al COM di Nocera Umbra affidato alla sezione di Trevi che aveva comunicato via fax alla Prefettura la sua disponibilità.

Dal CCS Perugia, nei primi 5 giorni sono stati garantiti i collegamenti in VHF e HF con il Dipartimento della P.C. di Roma ove operavano altri colleghi;

Dal 16/10/97, a seguito dei gravi danni provocati dalla scossa del 14/10/97 con estensione nei territori della Val Nerina ( Preci, Cascia, Norcia ecc.) è stato costituito un nuovo COM in Borgo Cerreto, località sita in una stretta valle con monti da 1.200 - 1.400 metri attorno. Con fax della Prefettura è stato chiesto alla sezione di Spoleto (la più vicina) di assumere il coordinamento radio di tale COM.

TERRITORI E COMPOSIZIONE DEI C.O.M. al 16/10/97

  • CCS Centro Coordinamento Soccorsi Prefettura di Perugia
  • COM Assisi Comuni: Assisi, Bastia Umbra, Cannara;
  • COM Nocera Umbra Comuni: Nocera Umbra;
  • COM Gualdo Tadino Comuni: Gualdo tadino, Costacciaro, Sigillo, Fossato di Vico, Scheggia, Valfabbrica;
  • COM Foligno Comuni: Foligno, Bevagna, Valtopina, Montefalco, Spello, Trevi, Sellano;
  • COM Cerreto di Spoleto Comuni: Cerreto, Preci, Cascia, Norcia, Vallo di Nera, S.Anatolia, Monteleone, Scheggino, Poggiodomo

ATTIVITA' CON LA REGIONE UMBRIA

Da notare che la nostra associazione intrattiene ottimi rapporti con la Regione Umbria - Assessorato al Territorio e Protezione Civile. Infatti presso la stessa struttura da alcuni anni è stata allestita una ottima sala operativa compresa una sala radio con tutte le apparecchiature necessarie ai radioamatori per operare in caso di necessità.

Mentre le operazioni di soccorso coordinate dalla Prefettura venivano sviluppate, anche dalla sala operativa della Regione alcuni radioamatori addetti a tale compito (ARI sezione Perugia) hanno attivato sin dai primi minuti dopo la prima scossa delle 02,33 del 26/09/997 le apparecchiature in dotazione alla sala radio integrando le comunicazioni radio delle reti attive nell'intera Provincia

INTERVENTI DI ALTRE SEZIONI FUORI PROVINCIA

Con il prolungarsi del tempo la fatica si è fatta sentire in tutto il territorio e sono stati graditi gli interventi di radioamatori giunti da fuori sin dal 5-6 ottobre per sostenere le operazioni gestite dal COM di Foligno il Centro Operativo più grande e impegnato. In questo si sono notate in particolare le sezioni di Senigallia, di Rieti, di Viterbo e di Terni, che oltre a quelle di Foligno, Spoleto, Trevi e Perugia hanno inviato operatori.

INTERVENTI DI ALTRI GRUPPI

Le stazioni radio operanti dal CCS Prefettura e da tutti e 5 i COM sono state sempre gestite dalle strutture ARI. Tutte le comunicazioni radio dalle località interessate sono state organizzate su più frequenze UHF - VHF e HF in base al piano attuato dalle Sezioni ARI. Gli operatori di varia natura se sono entrati nei servizi radio sono stati indirizzati nei luoghi operativi sempre dalle strutture ARI.

INTERVENTI DA FUORI REGIONE

Il 14/10/97 dopo aver costatato le difficoltà per la presenza con "reperibilità" ed a seguito del perdurare dell'emergenza su un vasto territorio, il Responsabile Volontariato CCS della Prefettura di Perugia ha ritenuto necessario che si formulassero richieste alle Regioni esterne per reperire altri operatori radioamatori. Sono giunti per primi tre operatori dal Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia, che dal 18/10/97 hanno operato dalla Prefettura perugina e per alcuni giorni nelle località colpite con traffico verso i COM. E' stato interessato anche il C.R. Toscana, che ha dato disponibilità di gruppi operativi per 10 - 12 giorni. Il Coordinatore del CCS ha però disposto la messa in attesa del C.R. Toscana con un fax del 18/10/97 della stessa Prefettura. Contemporaneamente sono stati anche allertati: Varese, Viterbo, il C.R. Lazio ed altri, sempre su richiesta della Prefettura di Perugia.

 

 

 

  

Connettività Internet ?

Previsioni Meteo Umbria

Risorse di RADIOASTRONOMIA ed E.M.E. by I0NAA

IQ0PG & IQ0PG/P awards



GALLERIA FOTOGRAFICA


 
 
  
 

 

  
 
 
 

SOLAR DATA PROPAGATION

*** RSS ARI NAZIONALE

Portale ufficiale dell'ARI - Associazione Radioamatori Italiani
  • Come sicuramente saprete a Settembre a Landshut in Germania si è tenuta la General Conference IARU Reg.1 a cui ho partecipato come rappresentante ARI.In tale ambito si analizzano tutte le proposte pervenute su tali bande e per il C5 erano ben 56 in agenda ! Le tematiche spaziavano dall’attività contest (circa il 50% delle proposte) a cambiamenti nel bandplan, a gestione dei modi digitali e attività satellitari.Per quanto concerne il mondo contest si è finalmente dato un grosso cambiamento nella gestione di tale attività con la creazione di un gruppo di lavoro che ha lo scopo di gestire tutto ciò che concerne il mondo contest nella IARU Reg. 1, è quindi nato il C5 Contest Working Group.Tale gruppo è costituito da DL3MBG, F5LEN, G0FCT, HA0LC, IV3KKW, OE1MCU, OK1VAO, OM3BH, e  S53WW che ne è il responsabile, ed ovviamente da ON4AVJ C5 Chairman.Il gruppo si è iniziato a riunire sin da Ottobre scorso per cercare di costruire un flusso di lavoro che convogli le varie proposte ed idee verso una fattiva collaborazione per essere poi messe in pratica.Il primo passo è stato quindi quello di creare, per la prima volta in tale ambito internazionale, un sondaggio per comprendere come alcuni cambiamenti sarebbero sati accolti dai partecipanti.Dal 25 Ottobre al 30 Novembre ben 1277 om da tutta Europa (più 3 da ZS ed EA8) hanno risposto al questionario i cui risultati sono stati resi pubblici verso la fine dell’anno e sono reperibili a questo link.73, Alex, IV3KKWARI VHF & Up Manager

  • Un piccolo passo avanti verso il recupero della Stazione Radio Marconi a Coltano. Nei giorni scorsi infatti è stato siglato un accordo con l'Agenzia del Demanio grazie al quale il bene è stato dato in concessione al Comune di Pisa per due anni. "A seguito dell'accordo - spiega l'assessore ai Lavori pubblici, Andrea Serfogli - l'amministrazione si è mossa con una prima determina che impegna 47mila euro per la pulitura dell'area e la messa in sicurezza della struttura. In questo modo potremmo effettuare le indagini e le verifiche necessarie per la definizione del progetto definitivo e per elaborare un progetto di valorizzazione del bene". Una volta definiti questi progetti l'amministrazione conta di ottenere il trasferimento definitivo del bene. "L'obiettivo - prosegue Serfogli - è quello di arrivare alla progettazione e al trasferimento definitivo del bene al Comune entro il 2018. Siamo in una fase interlocutoria e decisive saranno le prossime riunioni con il Demanio". Per riqualificare la struttura e farne uno spazio museale, con annesso una sorta di incubatore d'impresa, servono circa 2,5 milioni di euro. "Il Comune - prosegue l'assessore - è disposto a mettere sul piatto circa un milione di euro di risorse proprie. I finanziamenti restanti dovranno arrivare dalla Regione nell'ambito dell'accordo per la vendita dell'azioni Sat. Stiamo inoltre lavorando anche con il Ministero dei Beni Culturali per vedere se è possibile intercettare ulteriori risorse". La Stazione Radio Marconi fu inaugurata nel 1911 dal premio Nobel per la fisica insieme al re Vittorio Emanuele III e fino ai primi anni '20 del secolo scorso ha rappresentato il centro radio più importante e all'avanguardia d'Europa. Dopo i bombardamenti tedeschi della II Guerra Mondiale, che distrussero le antenne e i trasmettitori radio, il bene è rimasto inutilizzato e abbandonato a se stesso. Nel corso degli ultimi anni si è più volte parlato di un possibile recupero del bene, proposte che però sono rimaste sempre inascoltate. Nei giorni scorsi il caso è arrivato alle cronache nazionali con la denuncia della figlia di di Guglielmo Marconi, Elettra, che parlando al Tg1 ha chiesto di risollevare la situazione della struttura mettendo anche una targa per ricordare 'l'impresa' di cui suo padre andava fiero: nel 1910 partì infatti, per la prima volta, proprio dalle campagne di Pisa, un messaggio radio che dall'Europa raggiunse l'Africa. Fonte: Pisatoday.it  

  • Se parlando  di una persona usi il verbo "era", probabilmente è perché non c'è più. Cosi è successo per quel che riguarda Mario.Dopo una vita trascorsa insieme mi ha lasciata in un modo così veloce ed imprevedibile che ancora non riesco a rendermene conto; è veramente duro affrontare la giornata senza di lui.Era un grande.Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato il loro dolore e mi sono stati vicino, in tanti volevano bene a Mario, I2MQP.Grazie a tutti da Liliana, IK2OBS

  • Clicca sull'immagine per scaricare il calendario stampabile in PDF

  • Il campo internazionale YOTA Youngsters On The Air promosso dalla IARU R1 nell'anno 2018 si terrà in Sud Africa dal 8 al 15 agosto nella regione centrale del Gauteng e sarà organizzato dalla SARL. Sono invitate a partecipare le delegazioni delle associazioni e tra queste ARI per la delegazione italiana. I rappresentanti della delegazione ARI dovranno essere in età compresa tra i 15 e 26 anni. Per ogni associazione nazionale sono previsti fino a 5 partecipanti e nel nostro caso devono essere regolarmente iscritti all'ARI per l'anno 2018. Almeno uno dei partecipanti del team dovrà essere maggiorenne e, comunque tra i maggiorenni, uno sarà il leader a cui spetteranno compiti di coordinamento del team e di controllo su eventuali minorenni presenti. Ulteriori dettagli possono essere trovati nelle pagine dedicate al progetto YOTA al link: http://www.yota-italia.it/partecipazione-allo-yota-zs-2018/ Silvio Gaggini, IZ5DIYReferente Progetto YOTA

  • I primi 70 anni di RadioRivistaGabriele Villa, I2VGW E fanno settanta. Settant’anni che RadioRivista arriva nelle case dei radioamatori italiani. In principio, quando uscì il primo numero, si chiamava Radiogiornale. Poi dal Settembre 1948 prese il nome che ancora oggi è la nostra testata. Erano tempi pionieristici e decisamente bohémiens. Tempi in cui esser radioamatori significava esser soprattutto investigatori di un mondo tutto in divenire, esploratori di nuovi orizzonti ionosferici, sperimentatori e costruttori dei propri apparati e delle proprie antenne. E RadioRivista c’era. Accanto agli shack, fedele compagna di mille avventure on air. Oggetto e al tempo stesso arena di dibattiti tecnico-scientifici. Strumento di divulgazione e di conoscenza. E megafono anche delle prime, avventurose, stuzzicanti notizie di una sfida senza confini: quella dei collegamenti long distance, del DX. L’editoriale di questo numero dell’anno in cui RadioRivista celebra i suoi primi 70 anni vuol  rappresentare non solo la mera celebrazione di questo avvenimento ma la riconoscenza, sì la riconoscenza, verso tutti coloro i quali, soci, collaboratori e anche direttori hanno contribuito in questi quattordici illustri lustri a confezionare e a redigere il nostro magazine di riferimento e a fare in modo, con le loro idee, il loro lavoro, la loro passione che RadioRivista crescesse negli anni in autorevolezza, conquistandosi il rispetto e l’apprezzamento di tante altre Associazioni consorelle che non hanno a tutt’oggi e non hanno mai potuto vantare un organo ufficiale così ricco di rubriche, articoli, cronache, notizie, preview e review di apparecchiature accessori e strumenti.

  • ll Diploma è dedicato alla Regia Marina nel periodo della Grande Guerra (1915-1918).  Viene rappresentato in  tre versioni" Bronzo 100 - Argento 200 - Oro 300"; il layout dei tre diplomi è uguale e viene raffigurata la parte nord est dell'Italia e principalmente quella del mar Adriatico. Raffigurante una giovane Italia e sulla destra una coffa di una nave con invergata la bandiera della Regia Marina. I diplomi nelle tre versioni sono differenti e rappresentano tre grandi ammiragli del periodo con raffigurate tre simbologie navali. Il diploma "Bronzo 100" raffigura l'Ammiraglio Luigi Rizzo, ed un MAS, imbarcazione utilizzata dall'eroe per affondare la Corazzata Wien nella presa di Buccari. Il diploma "Argento 200" raffigura l'Ammiraglio Diego Simonetti ed una unità navale di quel tempo. Il diploma "Oro 300" raffigura l'Ammiraglio Paolo Emilio Thaon di Ravel (Capo di Stato Maggiore della Marina e Comandante in Capo delle Forze Navali) con un cannone navale. Il Diploma è conseguibile da tutti gli OM e SWL del mondo. Il periodo dell'attività è indetto dal 1 gennaio al 11 novembre 2018 (giorno 11 novembre 1918 è la data in cui è terminata la Prima Guerra Mondiale). Per il regolamento completo clicca qui Fonte: ARMI  

  • Questa iniziativa si prefigge come obiettivo principale la diffusione della conoscenza, anche storico - biografica, dei principali scienziati che, nei diversi settori, hanno dato un contributo fondamentale alle scoperte e allo sviluppo del sapere, sia teorico che tecnico - scientifico, nel campo della Fisica, Elettrologia, Magnetismo e Radiotecnica.  Questi pionieri hanno posto le basi culturali e scientifiche e dato inizio al complesso processo di innovazione che ha successivamente reso possibile lo sviluppo e la futura realizzazione del "Miracolo della Radio", al livello di complessità e di perfezione che ha raggiunto ai giorni nostri.  L'iniziativa si prefigge l'attivazione a livello internazionale, durante l'intero anno 2018, di dodici stazioni radio commemorative con nominativo speciale, che si avvicenderanno a turno durante l'anno: ad ogni mese è associato un nominativo speciale, a sua volta dedicato ad un particolare scienziato. Clicca qui per leggere il regolamento completo Fonte: ARI Fidenza

  • *** RSS A.R.R.L.

    The American Radio Relay League (ARRL) is the national association for amateur radio, connecting hams around the U.S. with news, information and resources.
  • A November 2017 Department of Defense (DoD)-sponsored communications interoperability exercise involving Amateur Radio was a success, according to information received recently from US Army Military Auxiliary Radio System (MARS) Program Manager Paul English, WD8DBY. The November 4-6 drill, which focused on interoperability between DOD elements including MARS, other federal agencies, and the Ama...

  • The Virginia Tech experimental camera payload on the Fox-1D satellite (AO-92), launched on January 12, has returned some very clear photos of our planet as seen from low-Earth orbit.Earthbound followers of the newly launched satellite can use the FoxTelem software (v 1.05), with the source set to “Auto” to receive either high-speed frames carrying camera payloads or data under voice (DUV) frame...

  • The Radio Club of Chile (CE3AA) and its Emergency Service are supporting communications for the National Emergency Office of the Ministry of the Interior and Public Security during Pope Francis’ visit to Chile. Commemorative call sign XR18PAX will be on the air on SSB; XR3PAX on digital modes. A special QSL card will be available for HF contacts. QSL to Radio Club de Chile, CE3AA, Papa Francisc...

  • Past ARRL Great Lakes Division Director Jim Weaver, K8JE (ex-WA8COA), of Mason, Ohio, died on January 14. An ARRL Life Member, he was 82. Weaver served as ARRL Great Lakes Division Director for 11 years, from 2003 until 2014, and he was a regular presence at Hamvention® and ARRL EXPO and moderated the ARRL Forum. During his time on The ARRL Board of Directors, Weaver served on the Administratio...

  • In the last few weeks, the ARRL’s Board of Directors has been the subject of an organized misinformation campaign. It is being orchestrated by a group of hams, some of whom are well-intentioned but have been misled. This effort, which consists of a series of mischaracterizations, initially dealt with (1) the ARRL Board’s censure of an ARRL Director, and (2) some proposed revisions to ARRL’s Art...

  • The ARRL Board of Directors will hold its 2018 Annual Meeting January 19-20 in Windsor, Connecticut.The first order of business will be the election of officers. The Board will elect candidates to the volunteer posts of ARRL President, First and Second Vice Presidents, and International Affairs Vice President, as well as the offices of Secretary, Treasurer, Chief Executive Officer, and Chief Fi...

  • Uncharacteristically cold weather in east-central Florida in early January prompted members of the North Brevard Amateur Radio Club (K4NBR) to assist the area’s homeless. The New Year began with a bitter cold front descending upon Central Florida, bringing temperatures that hovered around freezing. Such conditions can be especially concerning for those lacking regular shelter from the elements....

  • *** RSS DX ZONE

    Latest articles, reviews and links posted to The DXZone.com, an amateur radio, cb radio, scanning and shortwave radio, reference site The DXZone.com
  • A collection of the top 30 amateur radio links we reviewed and added to our links directory during the 2017

  • Testing Dipole vs Indoor Magnetic Loop Antenna, Morse Pilot - Learn morse code, A cool KW linear amplifier for 50 MHz, PilotMorse Morse Code Tutor for Aviation, VK9CZ Cocos Keeling Islands DXpedition, 3C1L Log, VK9CZ Log, Z-match ATU covering 160m - 10m, TYT MD-2017 Charger Mod, TYT MD-2017 Review, AutoEZ, KF7P Metalwerks, TYT Electronics

  • Efficiency of the Z Match, The Z Match Using a Toroidal Core Coil, NVIS Propagation, To the Moon and back: reflecting a radio signal to calculate the distance , Popular Matching Networks, Radio Attic, ZD7BR St Helena DX Pedition 2017

  • Horizontal Loop Antenna Experiments, Interfacing HAM radio, NVIS: Near Vertical Incidence Skywave, Near vertical incidence skywave - wikipedia, 3C1L Equatorial Guinea - 3C0L Annobon DX Pedition, S21 Bangladesh IOTA DXPedition, Six Meter Quad Turnstile Antenna, YagiCAD, Sounds of Meteors, The Raspberry OscilloPhone, Indianapolis Police Scanner

  • The CQ WW is the largest Amateur Radio competition in the world. The 2017 CQ World-Wide DX Contest CW is November 25-26. The goal of making as many contacts with as many different DXCC entities and CQ Zones as possible.

  • Join dxzone.com on Facebook. Get all new links published in facebook every day.

  • Radio programming cables homebrew projects. Build CAT cables or interface rig cables

  • Software/ContestingEasy to use logging and keying software for CW and SSB, for HF and VHF. Contains the unique synthesized voice keyer.

  •  

     

     
    WEBPAGES dei soci  ARIPG 

     I0NAA  Mario

    IK0FUX  Francesco

    I0GEJ  Lidio

    I0GEJ  Lidio Google+

     IK0UTM  Vanni

    IK0XBX  Francesco

    IK0YUT  Luigi

    IZ0ABD Francesco Google+

    IZ0DBA  Giacomo

    IZ0DXD  Sergio

     

    Announced DX Operations 

     

    NEWS DX OPERATION

    DX News DX Information for DXers
    Free business joomla templates